images

Link per scaricare i punti di interesse del SICVE – Safety Tutor

 

SICVE o Safety tutor

Il SICVE (Sistema informativo per il controllo della velocità), detto anche Safety tutor, è un dispositivo sviluppato e brevettato da Autostrade per l’Italia e gestito dalla Polizia Stradale, che pur rilevando gli eccessi di velocità, si distingue nettamente dai classici autovelox in quanto rileva la velocità media dei veicoli.

Il veicolo in transito, il cui passaggio viene rilevato attraverso due spire annegate nell’asfalto, viene fotografato all’inizio del tratto controllato dal SICVE da apposite fotocamere installate su un “pannello messaggi”. Il sistema memorizza la foto, la data e l’ora del passaggio e la targa del veicolo, estrapolata dall’immagine. All’altezza del punto di controllo finale, il veicolo viene nuovamente fotografato con data e ora. Il sistema associa quindi le due rilevazioni in base alla targa e calcola il tempo impiegato dal veicolo per percorrere il tratto controllato: se la velocità media del veicolo è minore o uguale al limite massimo, le due foto vengono scartate dal sistema; le foto rimanenti sono quelle di chi ha viaggiato a una velocità media superiore al limite.

sicve

Attualmente il SICVE è utilizzato in larga parte in Italia sulle autostrade, nelle quali controlla un tratto autostradale tra i 15 e i 20 km. È utilizzato inoltre per il rilevamento della velocità media su un breve tratto dellastrada provinciale 8 Via del Mare (SP 8) alle porte di Roma. Dal febbraio 2009 è attivo anche sulla Tangenziale di Napoli, su entrambe le carreggiate di marcia tra le uscite di Corso Malta e di Pozzuoli – ove vige il limite di velocità imposto a 80 km/h – e nel tunnel della Secante di Cesena – dove il limite è 90 km/h. Nella città di Torino un sistema simile viene utilizzato su entrambe le carreggiate di corso Regina Margherita per la rilevazione della velocità istantanea, tramite un sensore per ogni corsia.

images

Link per scaricare i punti di interesse del SICVE – Safety Tutor