images

Link per scaricare i punti di interesse degli Autovelox Fissi

 

Autovelox è un marchio registrato dell’azienda fiorentina Sodi Scientifica ed è il nome commerciale di una famiglia di misuratori di velocità su strada dei veicoli.

Storia
Il primo modello di Autovelox, prodotto dalla tedesca Telefunken, fu messo a punto, prodotto in serie e installato sulle strade tedesche a partire dal 1957.

La commercializzazione degli Autovelox in Italia è cominciata nel 1972, come attrezzatura destinata alle forze dell’ordine, in particolare Polizia Stradale e Polizia Municipale, per la rilevazione del superamento deilimiti di velocità sulle strade.

Nel tempo, per antonomasia, il nome commerciale è divenuto genericamente un sinonimo di “misuratore di velocità dei veicoli” o “velocimetro”. La denominazione di tutti i rilevatori come Autovelox è però imprecisa: apparati come la pistola laser non rientrano propriamente in questa definizione, più adatta ai sistemi operanti con metodi simili a quello dell’Autovelox originale.

Tipi di autovelox
Esistono diversi tipi di autovelox, classificati in base al funzionamento.

406px-Radarvelocidade20022007

Apparati a fotocellule
Gli autovelox a fotocellula sono i più diffusi.

Dispongono solitamente di due fotocellule laser: il passaggio della testa di un veicolo attraverso il fascio della prima cellula, interrompendolo, dà inizio al rilevamento facendo partire un timer, mentre il passaggio attraverso il secondo fascio blocca il timer. Conosciuta la distanza tra le due cellule, la velocità è calcolata in funzione del tempo impiegato ad attraversare i due fasci . Se la velocità rilevata supera il valore impostato, l’apparecchio provvede a scattare una fotografia del veicolo, che nei modelli attualmente in commercio è in formato digitale.

Gli apparecchi a fotocellula sono adoperati anche negli autobox, postazioni fisse metalliche situate ai bordi della carreggiata e spesso visibili agli automobilisti, oppure in postazione mobile su tripode o all’interno dell’auto di pattuglia della Polizia. Le infrazioni registrate dalle postazioni fisse sono raccolte a intervalli regolari da operatori di polizia che accedono all’apparecchio e ne prelevano i dati, che sono elaborati in ufficio.

I sistemi più avanzati, grazie alla rilevazione di immagini digitali, possono trasmettere in via telematica dati e immagini a un computer centrale situato, ad esempio, presso il Comando di Polizia ed essere installati su ambedue i lati della strada, così da permettere il posizionamento anche in postazione fissa fra due carreggiate. Per procedere alla contestazione immediata dell’infrazione, l’autovelox può trasmettere le immagini rilevate a una pattuglia posta a valle del punto di rilevazione, mediante un sistema senza fili non intercettabile.

Va notato che gli autovelox definiti “fissi” poiché ospitati all’interno di queste postazioni non sono necessariamente fissi: spesso gli apparati vengono spostati tra una postazione all’altra e questi box rimangono quindi vuoti.

sicve

SICVE o Safety tutor

Il SICVE (Sistema informativo per il controllo della velocità), detto anche Safety tutor, è un dispositivo sviluppato e brevettato da Autostrade per l’Italia e gestito dalla Polizia Stradale, che pur rilevando gli eccessi di velocità, si distingue nettamente dai classici autovelox in quanto rileva la velocità media dei veicoli.

Il veicolo in transito, il cui passaggio viene rilevato attraverso due spire annegate nell’asfalto, viene fotografato all’inizio del tratto controllato dal SICVE da apposite fotocamere installate su un “pannello messaggi”. Il sistema memorizza la foto, la data e l’ora del passaggio e la targa del veicolo, estrapolata dall’immagine. All’altezza del punto di controllo finale, il veicolo viene nuovamente fotografato con data e ora. Il sistema associa quindi le due rilevazioni in base alla targa e calcola il tempo impiegato dal veicolo per percorrere il tratto controllato: se la velocità media del veicolo è minore o uguale al limite massimo, le due foto vengono scartate dal sistema; le foto rimanenti sono quelle di chi ha viaggiato a una velocità media superiore al limite.

Attualmente il SICVE è utilizzato in larga parte in Italia sulle autostrade, nelle quali controlla un tratto autostradale tra i 15 e i 20 km. È utilizzato inoltre per il rilevamento della velocità media su un breve tratto dellastrada provinciale 8 Via del Mare (SP 8) alle porte di Roma. Dal febbraio 2009 è attivo anche sulla Tangenziale di Napoli, su entrambe le carreggiate di marcia tra le uscite di Corso Malta e di Pozzuoli – ove vige il limite di velocità imposto a 80 km/h – e nel tunnel della Secante di Cesena – dove il limite è 90 km/h. Nella città di Torino un sistema simile viene utilizzato su entrambe le carreggiate di corso Regina Margherita per la rilevazione della velocità istantanea, tramite un sensore per ogni corsia.

 

images

Link per scaricare i punti di interesse degli Autovelox Fissi